Appia Antica. La Regina Viarum in Lucania dall’Ofanto al Bradano

45,00

2019 

MARIA LUISA MARCHI (a cura di) 

Formato 17 x 24

Immagini b/n, 2 16i in quadricromia

p. 160

€ 45,00

9788881675715

Descrizione

Premessa di Francesca Sogliani.

Un volume sulla via Appia in Lucania, vuole essere l’atto di una lunga esperienza di indagine in Basilicata, in particolare nel territorio venosino e nel comparto del melfese, che ha nella via Appia il suo fulcro, come asse di penetrazione e attraversamento nonché di organizzazione rurale, economica ed insediativa in età romana e dopo.

La via Appia è stata il vettore per il passaggio degli eserciti quando ancora probabilmente era un tratturo di collegamento tra Ofanto e Bradano. È divenuta l’asse portante della colonizzazione romana tra Venosa e l’area apula. In epoca cristiana parte degli itinerari e dei pellegrinaggi verso la Terra Santa. In tempi moderni in più tratti recuperata dal Regio Tratturo. Nel volume si è voluto riassumere la storia degli studi e delle ricerche anche nelle aree contermini e ricostruire il percorso della strada romana come itinerario in terra lucana, attraverso i principali rinvenimenti che hanno permesso la sua identificazione e che ci consentono ancora di ricostruire la vita lungo di essa. Si tratta di necropoli, ville, villaggi, fattorie ma anche stazioni di sosta per i viaggiatori e nei periodi successivi all’età romana chiese, edicole, fontane, iazzi e taverne.

Molti gli aspetti presi in esame, da quello di via militare attraversata dagli eserciti, alla strada percorsa da Orazio nel 37 a.C. e ricordata nella sua memorabile satira. La strada di viaggiatori e mercanti verso l’oriente ma anche, in senso inverso la via percorsa da San Paolo condotto a Roma in giudizio.

Appia Antica. La Regina Viarum in Lucania dall’Ofanto al Bradano